Identificare un possibile stato di infertilità: valutazione del liquido seminale

Gen 30, 2021

La valutazione del liquido seminale è uno step molto importante che consente di identificare un possibile stato di infertilità.

Le cause d’infertilità imputabili ad un fattore maschile sono circa del 35% e a causa degli errati stili di vita e/o di abitudini sbagliate possono anche aumentare.

Il mutamento delle condizioni ambientali possono essere in parte responsabili dell’aumentata incidenza dell’infertilità maschile. Tuttavia spesso non è possibile distinguere la causa, data l’estrema varietà di fattori cui veniamo quotidianamente esposti.

  • Cause d’infertilità imputabili ad un fattore maschile 35% 35%
L’esame del liquido seminale ( o spermiogramma) è uno strumento diagnostico attraverso il quale è possibile valutare le principali caratteristiche dell’eiaculato.

Le principali caratteristiche macroscopiche prese in considerazione sono il volume, il pH , la fluidificazione e la viscosità. Successivamente vengono osservate le caratteristiche microscopiche che sono il numero di spermatozoi presenti, la loro motilità e la morfologia.

I valori osservati sono confrontati con gli standard proposti e approvati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Viene presa in esame anche la popolazione cellulare non nemaspermica e cioè globuli rossi, cellule epiteliali e leucociti. Una valutazione attenta di tutti questi elementi è utile per descrivere completamente il campione di liquido seminale in tutti i suoi aspetti. Inoltre queste valutazioni sono di fondamentale importanza per stabilire le cause dell’infertilità e l’eventuale trattamento terapeutico più appropriato.

Lo spermiogramma è comunque un test di base spesso associato a test aggiuntivi che studiano ad esempio la vitalità degli spermatozoi o l’eventuale presenza di autoanticorpi (Mart test).

Lo studio della valutazione del liquido seminale non è un dato assoluto e definitivo e si riferisce solamente all’eiaculato esaminato. Infatti i parametri seminali possono subire variazioni più o meno evidenti legate anche alle condizioni psico-fisiche del soggetto in esame. In generale è bene effettuare almeno 2 spermiogrammi di controllo a distanza di circa 20-30 giorni uno dall’altro per poter effettuare una diagnosi.

 

Dott.ssa Laura Gambera

Dott.ssa Laura Gambera

RESPONSABILE LABORATORIO / EMBRIOLOGO

La Dottoressa Laura Gambera si laurea in Scienze Biologiche presso l’Università di Siena, nel 1996 con votazione 110/110 con lode. Nel 1997 consegue l’abilitazione all’esercizio della professione di Biologo.Nel 2000 consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Biologia delle Cellule Germinali. È autrice di n. 30 pubblicazioni su riviste internazionali dotate di Impact Factor.

Articoli recenti

Prima visita online gratuita
con i nostri specialisti

Il nostro obiettivo è quello di realizzare  nel migliore
dei modi il vostro desidero più grande

Contattaci per prenotare un appuntamento o per chiedere maggiori informazioni

Compila il form indicando i tuoi dati di contatto. Il nostro staff sarà lieto di organizzare il tuo primo incontro GRATUITO CON LO STAFF MEDICO per una consulenza sul percorso di PMA. Prenderemo in esame la situazione in modo personalizzato e accurato.

Compila il form indicando i tuoi dati. Il nostro staff sarà lieto di organizzare il tuo primo incontro GRATUITO CON LO STAFF MEDICO per una consulenza sul percorso di PMA. Prenderemo in esame la situazione in modo personalizzato e accurato

Richiedi senza impegno maggiori informazioni o prenota una prima visita con noi

Informativa sul trattamento dei dati personali *