Aperto:Lun - Ven, 8:00 - 17:00 - Sab, 08:00 - 13:00
Viale Toselli, 94/F - SIENA
Chiamaci0577 222224

FIVET

La Fecondazione Assistita nasce alla fine degli anni ’70 ed ha permesso, nel corso degli anni, la nascita di più di un milione di bambini in tutto il mondo.

La Fecondazione In Vitro con Embryo Transfer (FIVET) è una tecnica di PMA di II livello che consiste nell’incontro in vitro di spermatozoi e ovociti e al successivo trasferimento in utero degli embrioni derivanti da tale incontro, in numero adeguato ad età e storia clinica della paziente. La fecondazione avviene, quindi, in modo naturale e simile a ciò che avviene in condizioni fisiologiche.

Rappresentano una indicazione clinica all’esecuzione di un trattamento FIVET:

  • Occlusione tubarica bilaterale
  • Infertilità maschile di grado moderato
  • Endometriosi di grado moderato/severo
  • Infertilità idiopatica non responsiva ai trattamenti di I livello

Un trattamento di Fecondazione Assistita prevede diverse fasi:

  • induzione farmacologica dell’ovulazione multipla attraverso protocolli personalizzati
  • prelievo ovocitario (pick up)
  • inseminazione e fecondazione
  • coltura embrionaria e trasferimento degli embrioni in utero (embryo transfer)

INDUZIONE FARMACOLOGICA DELL’OVULAZIONE

Consiste nella stimolazione di un’ovulazione multipla mediante utilizzo di farmaci, aventi come finalità quella di stimolare la crescita di più follicoli e il recupero di più ovociti idonei all’inseminazione. La crescita follicolare multipla consente, quindi, di aumentare le probabilità di ottenere la gravidanza.

La stimolazione ormonale ovarica avviene generalmente nell’arco di 10-16 giorni mediante iniezioni sottocutanee quotidiane, monitoraggio ecografico e dosaggi ematici di estradiolo e progesterone al fine poter osservare l’andamento della crescita follicolare e determinare il momento migliore per prelevare gli ovociti.

PICK-UP OVOCITARIO

Il prelievo chirurgico degli ovociti è una metodica a basso rischio, che avviene in sedazione e in regime ambulatoriale. Consiste nell’aspirazione transvaginale di follicoli del diametro compreso tra 16 e 20 mm sotto attenta guida ecografica. Gli ovociti recuperati vengono tenuti in coltura fino al momento della fecondazione.

 

 

INSEMINAZIONE E FECONDAZIONE

Gli ovociti prelevati dopo un breve periodo di incubazione vengono posti in coltura assieme ad un pool di spermatozoi selezionati e successivamente posti ad incubare fino al momento del controllo dell’avvenuta fertilizzazione che avviene generalmente 16-18 ore dopo. L’avvenuta fecondazione viene verificata attraverso la valutazione della presenza di due pronuclei che portano l’informazione genetica di origine materna e paterna.

 

COLTURA EMBRIONARIA E TRASFERIMENTO IN UTERO

In seguito alla fecondazione, si innesca una cascata di eventi che porta alla formazione dell’embrione. Durante le successive giornate di sviluppo, viene valutata la qualità degli embrioni ottenuti; la coltura può proseguire fino allo stadio di blastocisti (quinta-sesta giornata).

Gli embrioni più idonei vengono infine trasferiti in utero sotto guida ecografica tra la seconda e la quinta giornata di coltura, tramite un sottile catetere. La metodica è indolore e non richiede limitazioni funzionali della paziente né di sedazione.